Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Ipertensione arteriosa nell'anziano

[3-1108]
O. Hanon 
M.-L. Seux
A.-S. Rigaud
Service du Pr Rigaud, Hôpital Broca, 54-56, rue Pascal, 75013 Paris  France

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

pagine 4
Iconografia 1
Video 0
Altro 0

Riassunto

A causa dell'aumento della pressione arteriosa con l'età, nell'anziano si osserva una prevalenza di ipertensione pari a circa il 55%. È ormai chiaramente dimostrato che nelle persone con più di 60 anni il trattamento antipertensivo permette di ridurre in modo significativo gli eventi di morbilità e mortalità cardiovascolare, in particolare gli accidenti cerebrovascolari. Alcuni studi recenti sottolineano che il trattamento antipertensivo riduce l'insorgenza delle demenze vascolari ma anche delle demenze di tipo Alzheimer. Una delle particolarità dell'ipertensione nell'anziano è rappresentata dal ruolo predittivo dominante della pressione arteriosa sistolica (PAS) relativamente alle complicanze cardiovascolari rispetto alla pressione arteriosa diastolica (PAD). Inoltre, i dati epidemiologici suggeriscono che dopo i 60 anni la pressione pulsata (differenza tra PAS e PAD) rappresenta un marcatore di rischio cardiovascolare migliore rispetto alla PAS o alla PAD considerate singolarmente. Nel paziente anziano, la valutazione del vero valore pressorio è difficilmente apprezzabile a causa di un'aumentata variabilità pressoria, responsabile di un effetto «camice bianco» più frequente. In questo ambito, l'utilizzo di metodi di misurazione ambulatoriale della pressione arteriosa è consigliato per individuare i «falsi ipertesi» per i quali una terapia antipertensiva sarebbe dannosa. Il trattamento antipertensivo fa ricorso alle principali classi di farmaci, con una preferenza per i diuretici tiazidici a basse dosi, in assenza di indicazioni specifiche o convenzionali. L'obiettivo terapeutico da raggiungere è una PAS di < 150 mmHg, tenendo presente che una riduzione da 20 a 30 mmHg rispetto alla PAS iniziale rappresenta già un significativo beneficio in termini di morbilità e mortalità. Pertanto, il più delle volte, il trattamento antipertensivo dell'anziano non deve comprendere più di tre farmaci antipertensivi a dosaggio ottimale associati tra loro (tra cui un diuretico).



Parole chiave : Ipertensione arteriosa, Invecchiamento, Anziano, Pressione pulsata

Mappa



© 2004  Elsevier SAS. Tutti i diritti riservati.

Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Articolo precedente Articolo precedente
  • Stati depressivi negli anziani
  • G Ferrey
| Articolo seguente Articolo seguente
  • Dislipidemie del soggetto molto anziano
  • P. Friocourt

Benvenuto su EM|consulte,
il riferimento dei professionisti della salute.

Più di 500 000 articoli medici,
paramedici e scientifici la aspettano.

L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

Già abbonato a questo trattato ?