Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Il tono muscolare e i suoi disturbi

[17-007-A-20]
Alain Maertens De Noordhout : Professeur de clinique, chef de clinique associé.
Valérie Delvaux : Assistante.
Paul J Delwaide : Professeur des Universités, praticien hospitalier, chef de service
Service universitaire de neurologie, hôpital de la Citadelle, boulevard du XIIe de ligne, 1, 4000 Liège  Belgique

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

pagine 26
Iconografia 3
Video 0
Altro 0
Articolo archiviato , inizialmente pubblicato nel trattato EMC : Neurologia

Riassunto

La valutazione del tono muscolare fa classicamente parte dell'esame neurologico. Esso è definito come la resistenza percepita dall'esaminatore che mobilita passivamente un segmento di arto del paziente. In caso di eccessiva resistenza rispetto a una situazione normale, si parla di ipertonia e, nel caso contrario, di ipotonia. Si tratta di una nozione soggettiva, poiché difficilmente quantificabile. Tuttavia, è possibile orientare la diagnosi clinica verso un'entità nosologica precisa, attraverso le alterazioni del tono muscolare ed i segni ad esse associati.

Le ipertonie possono essere classificate in tre grandi categorie: la spasticità, dove la resistenza ai movimenti passivi aumenta in funzione della velocità di spostamento dell'arto testato; la rigidità, dove lo stato ipertonico percepito è indipendente da questa velocità e le contrazioni di opposizione, che corrispondono a una resistenza accresciuta, per un paziente incapace di rilasciare l'arto esaminato su comando.

Un'iportonia isolata è riscontrabile nell'adulto durante il sonno fisiologico e in presenza di coma. Essa è presente in caso di patologia cerebellare, se associata ad atassia, con una passività marcata in caso di interessamento sensoriale o con una iperestensibilità manifesta dell'arto interessato. In caso di paresi muscolare, un'ipotonia duratura denota solitamente la presenza di un interessamento del sistema nervoso periferico. Nel bambino piccolo, l'ipotonia è un segno clinico capitale e facilmente accessibile, che può rivelare la presenza non soltanto di un disturbo neurologico ma anche di un danno del tessuto connettivo o di una patologia sistemica grave.



Parole chiave : rigidità, spasticità, paratonia, ipotonia, ipertonia, fibre Ia, circuito a lunga latenza

Mappa



© 2001  Elsevier SAS. Tutti i diritti riservati.

Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare

Benvenuto su EM|consulte,
il riferimento dei professionisti della salute.

Più di 500 000 articoli medici,
paramedici e scientifici la aspettano.

L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

Già abbonato a questo trattato ?