Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Mioclonie

[17-009-A-10]  - Doi : 10.1016/S1634-7072(05)43902-1 

M. Borg  : Praticien hospitalier

Mostrare le affiliazioni

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

pagine 18
Iconografia 4
Video 0
Altro 0

Riassunto

Le mioclonie sono brevi scosse muscolari che possono essere causate da una brusca contrazione muscolare (mioclonia positiva) o dall'interruzione dell'attività muscolare (mioclonia negativa). Le mioclonie possono essere fisiologiche o causate da una grande varietà di disturbi ereditari o acquisiti. Le mioclonie corrispondono all'elettromiografia a una cocontrazione dei muscoli agonisti e antagonisti per le mioclonie positive o a un periodo di silenzio per le mioclonie negative. Gli studi elettrofisiologici sono indispensabili alla comprensione dell'origine di una mioclonia, che può essere corticale, talamocorticale, troncale o midollare. La modalità di comparsa di una mioclonia e il suo ritmo sono elementi utili alla della diagnosi. Le mioclonie possono essere associate a una distonia, come nella sindrome mioclonia-distonia ereditaria, o possono essere associate a una sindrome parkinsoniana, nella quale non sono rare. Le mioclonie in associazione con l'epilessia si vedono nelle epilessie sintomatiche o idiopatiche, con una menzione particolare per il nuovo concetto di tremore corticale. Le mioclonie si riscontrano nelle demenze, particolarmente nella demenza a corpi di Lewy e nel morbo di Alzheimer. Il piracetam, il valproato e il clonazepam rappresentano i farmaci più utili per trattare le mioclonie.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave : Mioclonia, Mioclonia corticale, Asterixis, Epilessia, Distonia


Mappa


© 2005  Elsevier SAS. Tutti i diritti riservati.
Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Articolo precedente Articolo precedente
  • Movimenti anomali secondari (distonie, mioclonie, tremori, discinesie)
  • F. Viallet, L. Vercueil, D. Gayraud, B. Bonnefoi, L. Renie
| Articolo seguente Articolo seguente
  • Tremori
  • E. Apartis, C.-P. Jedynak

Benvenuto su EM|consulte,
il riferimento dei professionisti della salute.

Più di 500 000 articoli medici,
paramedici e scientifici la aspettano.

L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

Già abbonato a questo trattato ?