Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Sindrome da distress respiratorio acuto - 24/11/17

[36-969-A-10]  - Doi : 10.1016/S1283-0771(17)86796-7 
C. Guérin a, b, c
a Service de réanimation médicale, Hôpital de la Croix-Rousse, 103, Grande-Rue-de-la-Croix-Rousse, 69004 Lyon, France 
b Université de Lyon, Lyon, France 
c Institut Mondor de recherche biomédicale, Équipe 13, Inserm 955, Université Paris-Est-Créteil, Créteil, France 

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

pagine 16
Iconografia 10
Video 0
Altro 14

Riassunto

La sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) dell'adulto è un edema polmonare di permeabilità che si verifica a seguito di un'aggressione diretta o indiretta della membrana alveolocapillare, associata a un'infiammazione polmonare intensa e a un'ipossiemia grave. È stata ridefinita nel 2012. La prevalenza in terapia intensiva è del 10% e la mortalità è del 40%. La gestione si concentra sull'assistenza ventilatoria invasiva. La principale preoccupazione del terapeuta è quella di scegliere razionalmente le impostazioni del ventilatore in modo da non indurre ulteriori lesioni ai polmoni. Le attuali raccomandazioni sono di mantenere la PaO2 (pressione arteriosa di ossigeno) tra 55 e 80 mmHg, di limitare il volume corrente compreso tra 4 e 8 ml/kg di peso predetto con la dimensione e di mantenere la pressione plateau di fine inspirazione a 28-30 cmH2O. Una curarizzazione precoce e breve (48h) e il posizionamento in decubito ventrale per almeno 16 ore al giorno riducono la mortalità nei pazienti con PaO2/FIO2 (frazione inspirata di ossigeno) inferiori a 150 mmHg. Un'elevata pressione espiratoria positiva (≥ 15 cmH2O) deve essere riservata ai pazienti il cui potenziale di reclutamento polmonare è elevato o ai malati più ipossiemici. Una pressione espiratoria positiva inferiore (≥ 5 cmH2O e ≤ 10 cmH2O) è preferita nei pazienti con un potenziale di reclutamento basso o nei malati meno ipossiemici. Mantenere un bilancio idrico negativo, una volta controllata la fase di shock, permette di ridurre il numero di giorni senza ventilazione meccanica. In caso di ARDS non risolutiva, può essere avviata una terapia steroidea. Non è più consigliabile la ventilazione tramite oscillazione ad alta frequenza. Sono in corso molte valutazioni: impostazione del VT (volume corrente) sulla pressione motoria, ventilazione spontanea precoce, livello di PEP (pressione espiratoria positiva) guidato dalla pressione transpolmonare, epurazione extracorporea dall'anidride carbonica, ossigenazione extracorporea.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave : Sindrome da distress respiratorio acuto, Edema polmonare, Ventilazione meccanica, Lesioni polmonari indotte dalla ventilazione meccanica, Ipossiemia, Pressione espiratoria positiva


Mappa


 Per citare questo articolo, non utilizzare il riferimento qui sotto, ma il riferimento della versione originale pubblicata in EMC - Pneumologie 2017;14(2):1-16 [Article 6-040-P-05].


© 2017  Elsevier Masson SAS. Tutti i diritti riservati.
Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Esportazione

    Citazioni Export

  • File

  • Contenuto

Articolo precedente Articolo precedente
  • Indicazioni dell'ossigenazione extracorporea a membrana in rianimazione
  • A. Le Gall, R. Pirracchio
| Articolo seguente Articolo seguente
  • Asma acuto grave
  • C. Faisy

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

Già abbonato a questo trattato ?

;

Il mio account


Dichiarazione CNIL

EM-CONSULTE.COM è registrato presso la CNIL, dichiarazione n. 1286925.

Ai sensi della legge n. 78-17 del 6 gennaio 1978 sull'informatica, sui file e sulle libertà, Lei puo' esercitare i diritti di opposizione (art.26 della legge), di accesso (art.34 a 38 Legge), e di rettifica (art.36 della legge) per i dati che La riguardano. Lei puo' cosi chiedere che siano rettificati, compeltati, chiariti, aggiornati o cancellati i suoi dati personali inesati, incompleti, equivoci, obsoleti o la cui raccolta o di uso o di conservazione sono vietati.
Le informazioni relative ai visitatori del nostro sito, compresa la loro identità, sono confidenziali.
Il responsabile del sito si impegna sull'onore a rispettare le condizioni legali di confidenzialità applicabili in Francia e a non divulgare tali informazioni a terzi.