Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Monitoraggio e rianimazione dei traumatizzati cranici gravi - 29/06/18

[36-910-B-10]  - Doi : 10.1016/S1283-0771(18)91365-4 
A. Jacquens, L. Abdennour, A.L. Boch, L. Jalin, L. Puybasset, V. Degos
 Unité de neuroanesthésie réanimation, Département d'anesthésie-réanimation, Hôpital de la Pitié-Salpêtrière, 47-83, boulevard de l'Hôpital, 75013 Paris, France 

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

pagine 17
Iconografia 16
Video 0
Altro 1

Riassunto

Un trauma cranico grave è definito dalla presenza di un punteggio di Glasgow inferiore o uguale a 8 dopo normalizzazione dello stato emodinamico. La misurazione della pressione intracranica (PIC) è spesso indicata ed è, quindi, opportuno conoscere le situazioni per le quali non lo è. I pazienti non monitorati devono essere rivalutati regolarmente clinicamente e mediante diagnostica per immagini neurologica. Durante il periodo di ipertensione intracranica, il monitoraggio neurologico deve essere multimodale: la misurazione della PIC, il Doppler transcranico ripetuto, la microdialisi e la pressione tissutale in ossigeno sono gli strumenti più usati. Per la maggior parte dei pazienti, dopo l'intervento iniziale, la lotta contro le aggressioni cerebrali di origine sistemica, terapia di prima linea, caratterizzata da una bassa morbilità, è sufficiente per mantenere la PIC al di sotto del valore soglia di 20 mmHg e a quello della perfusione cerebrale. In alcuni casi, questo trattamento è insufficiente ed è necessario instaurare terapie più importanti come un'ipotermia o una sedazione con barbiturico. Infine, quando questi trattamenti si rivelano superati, possono essere prese in considerazione misure chirurgiche come la craniectomia decompressiva. Al di fuori del contesto dell'ipertensione intracranica, alcune lesioni post-traumatiche richiedono un trattamento chirurgico, come le fratture infossate o gli ematomi extradurali. Queste terapie di salvataggio presentano effetti secondari molto gravi e il rapporto rischio-beneficio deve essere valutato caso per caso. Gli attori di questa gestione sono il neurochirurgo, il neurorianimatore e il neuroradiologo. La perfetta conoscenza della fisiopatologia delle varie lesioni cerebrali post-traumatiche è un prerequisito per lo sviluppo di una strategia terapeutica individualizzata e adattabile, che consenta la stratificazione delle diverse opzioni terapeutiche. Le ultime raccomandazioni riguardanti la gestione del traumatizzato cranico risalgono al 1998; sono state aggiornate nel 2016. La maggior parte di queste raccomandazioni resta valida; tuttavia, alcuni campi relativi agli obiettivi di perfusione cerebrale, all'ipotermia o al Doppler transcranico sono stati modificati. Occorre prendere in considerazione il fatto che queste raccomandazioni riguardano la gestione del traumatizzato cranico in fase precoce, quindi entro le prime 24-48 ore.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave : Trauma cranico, Edema cerebrale, Ipertensione intracranica, Barriera ematoencefalica, Monitoraggio multimodale, Prognosi neurologica


Mappa


© 2018  Elsevier Masson SAS. Tutti i diritti riservati.
Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Esportazione

    Citazioni Export

  • File

  • Contenuto

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

Già abbonato a questo trattato ?

;

Il mio account


Dichiarazione CNIL

EM-CONSULTE.COM è registrato presso la CNIL, dichiarazione n. 1286925.

Ai sensi della legge n. 78-17 del 6 gennaio 1978 sull'informatica, sui file e sulle libertà, Lei puo' esercitare i diritti di opposizione (art.26 della legge), di accesso (art.34 a 38 Legge), e di rettifica (art.36 della legge) per i dati che La riguardano. Lei puo' cosi chiedere che siano rettificati, compeltati, chiariti, aggiornati o cancellati i suoi dati personali inesati, incompleti, equivoci, obsoleti o la cui raccolta o di uso o di conservazione sono vietati.
Le informazioni relative ai visitatori del nostro sito, compresa la loro identità, sono confidenziali.
Il responsabile del sito si impegna sull'onore a rispettare le condizioni legali di confidenzialità applicabili in Francia e a non divulgare tali informazioni a terzi.