Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Manifestazioni neurologiche della malattia di Whipple - 01/01/06

[17-170-A-40]  - Doi : 10.1016/S1634-7072(06)46765-9 
F. Viala a,  : Praticien hospitalier, F. Dubas b : Professeur des Universités, praticien hospitalier
a Service de neurologie des maladies inflammatoires du système nerveux central, centre hospitalo-universitaire Purpan, place du Docteur-Baylac, 31059 Toulouse cedex 09, France 
b Département de neurologie, CHU, rue Larrey, 49000 Angers, France 

Indirizzo per la corrispondenza.

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

pagine 8
Iconografia 2
Video 0
Altro 0
Articolo archiviato , inizialmente pubblicato nel trattato EMC : Neurologia

Riassunto

La malattia di Whipple è una patologia batterica cronica multisistemica che colpisce di preferenza i maschi di razza caucasica. Il batterio in causa è un actinomicete chiamato «Tropheryma whipplei», la cui patogenicità nell'individuo sembra legata alla presenza di un difetto dell'immunità cellulo-mediata. Il danno del sistema nervoso centrale si manifesta abitualmente sotto forma di complicanze tardive o di recidive della malattia. Le manifestazioni neurologiche più frequenti sono rappresentate da disturbi cognitivi, oftalmoplegia, mioclonie e manifestazioni ipotalamiche. Nell'80% dei casi esse accompagnano o seguono altri sintomi: artralgie, diarrea, calo ponderale, febbre, adenopatie, segni oculari. La diagnosi si basa sul rilievo di un infiltrato tissutale macrofagico positivo alla reazione per l'acido periodico di Schiff («Periodic Acid Schiff», PAS), nel tratto digestivo o nelle altre sedi di interessamento clinico. Lo studio istologico deve essere sistematicamente associato all'esecuzione di un test di reazione a catena della polimerasi («polymerase chain reaction», PCR) specifico per il «Tropheryma whipplei», di sensibilità superiore. L'interessamento neurologico ha una prognosi sfavorevole perché la risposta terapeutica è lenta e incostante. La terapia, di durata non inferiore a 1 anno, si basa sull'uso di antibiotici capaci di attraversare la barriera ematoencefalica. La sua sospensione deve essere orientata dalla risposta clinica, istologica e da ripetuti test di PCR sul liquor.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave : Tropheryma whipplei, Malattia di Whipple, Mioritmie oculomasticatorie, Macrofagi PAS positivi, Polymerase chain reaction


Mappa


© 2006  Elsevier Masson SAS. Tutti i diritti riservati.
Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Esportazione

    Citazioni Export

  • File

  • Contenuto

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

Già abbonato a questo trattato ?

;

Il mio account


Dichiarazione CNIL

EM-CONSULTE.COM è registrato presso la CNIL, dichiarazione n. 1286925.

Ai sensi della legge n. 78-17 del 6 gennaio 1978 sull'informatica, sui file e sulle libertà, Lei puo' esercitare i diritti di opposizione (art.26 della legge), di accesso (art.34 a 38 Legge), e di rettifica (art.36 della legge) per i dati che La riguardano. Lei puo' cosi chiedere che siano rettificati, compeltati, chiariti, aggiornati o cancellati i suoi dati personali inesati, incompleti, equivoci, obsoleti o la cui raccolta o di uso o di conservazione sono vietati.
Le informazioni relative ai visitatori del nostro sito, compresa la loro identità, sono confidenziali.
Il responsabile del sito si impegna sull'onore a rispettare le condizioni legali di confidenzialità applicabili in Francia e a non divulgare tali informazioni a terzi.