Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario

Trattamento chirurgico delle complicanze della chirurgia bariatrica - 16/04/13

[40-395]  - Doi : 10.1016/S1283-0798(13)64594-5 
J.-M. Chevallier  : Professeur des Universités, chirurgien des Hôpitaux, R. Arienzo : Chef de clinique-assistant
 Service de chirurgie digestive et de l'obésité, Hôpital européen Georges-Pompidou, 20, rue Leblanc, 75015 Paris, France 

Article en cours de réactualisation

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

pagine 15
Iconografia 23
Video 1
Altro 2

Riassunto

Trattamento efficace della lotta contro l'obesità patologica, la chirurgia bariatrica fa ormai parte della chirurgia digestiva. Più una tecnica è efficace, più essa può portare a delle complicanze. Le complicanze dopo il posizionamento di un anello gastrico sono rare, ma il tasso di reinterventi può raggiungere il 10%: le migrazioni intragastriche dell'anello (1%) possono richiedere una gastrotomia e un anello mal controllato può provocare una necrosi che richiede una gastrectomia ampia. La fistola digestiva alta rimane la complicanza più temibile. Dopo un bypass gastrico, la fistola si trova, il più delle volte, sull'anastomosi gastrodigiunale. Dopo una sleeve gastrectomy (SG), essa interessa l'apice della cucitura. Dopo una derivazione biliopancreatica, si tratta di una fistola duodenoileale con peritonite biliare. Il monitoraggio postoperatorio deve essere rigoroso, in quanto la diagnosi delle complicanze è difficile, con un quadro clinico poco chiaro; è la tachicardia (superiore a 120 battiti/min) che deve far ricercare una fistola e portare a una laparoscopia urgente. Ogni ritardo patito è pregiudizievole per questi pazienti obesi difficili da curare in un'unità di terapia intensiva. Diagnosticata precocemente, la fistola può essere suturata; più tardi, la gestione è più lunga e difficile, con una fistolizzazione diretta o, anche, una gastrectomia ampia. A distanza occorre restare vigili in presenza della comparsa tardiva di un dolore addominale dopo bypass. Essa può, a volte, imporre una laparoscopia per trattare un'ernia interna chiudendo le brecce mesenteriche.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave : Obesità, Chirurgia bariatrica, Fistola digestiva, Occlusione


Mappa


© 2013  Elsevier Masson SAS. Tutti i diritti riservati.
Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Esportazione

    Citazioni Export

  • File

  • Contenuto

Articolo precedente Articolo precedente
  • Tecniche dei bypass gastrici per obesità
  • J.-M. Chevallier
| Articolo seguente Articolo seguente
  • Chirurgia dei diverticoli del duodeno
  • B. Blanc, P. Valleur

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

Già abbonato a questo trattato ?

;

Il mio account


Dichiarazione CNIL

EM-CONSULTE.COM è registrato presso la CNIL, dichiarazione n. 1286925.

Ai sensi della legge n. 78-17 del 6 gennaio 1978 sull'informatica, sui file e sulle libertà, Lei puo' esercitare i diritti di opposizione (art.26 della legge), di accesso (art.34 a 38 Legge), e di rettifica (art.36 della legge) per i dati che La riguardano. Lei puo' cosi chiedere che siano rettificati, compeltati, chiariti, aggiornati o cancellati i suoi dati personali inesati, incompleti, equivoci, obsoleti o la cui raccolta o di uso o di conservazione sono vietati.
Le informazioni relative ai visitatori del nostro sito, compresa la loro identità, sono confidenziali.
Il responsabile del sito si impegna sull'onore a rispettare le condizioni legali di confidenzialità applicabili in Francia e a non divulgare tali informazioni a terzi.