Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Complicanze vascolari del trapianto renale - 17/03/12

[43-310]  - Doi : 10.1016/S1283-0801(12)60755-9 
P. Julia  : Professeur des Universités, praticien hospitalier, J.-M. Alsac : Praticien hospitalier universitaire, J.-N. Fabiani : Professeur des Universités, praticien hospitalier, chef de service
Département de chirurgie cardiovasculaire, Hôpital européen Georges Pompidou, 20, rue Leblanc, 75015 Paris, France 

Article en cours de réactualisation

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento.

pagine 16
Iconografia 11
Video 0
Altro 1
Articolo archiviato , inizialmente pubblicato nel trattato EMC : Tecniche Chirurgiche - Chirurgia Vascolare e sostituito da un altro articolo più recente: cliccare qui per aprirlo

Riassunto

Il trapianto renale è, oggi, il trattamento privilegiato dell'insufficienza renale terminale. In Francia, come altrove, la scarsità di trapianti è notevole e l'età dei donatori e dei riceventi è in aumento. È, quindi, essenziale che tutti i reni potenzialmente utilizzabili possano essere trapiantati nelle migliori condizioni. Le complicanze vascolari del trapianto renale sono rare ma temibili. Le complicanze trombotiche dominano il periodo perioperatorio e la loro prognosi è negativa per la sopravvivenza del rene trapiantato. Le complicanze emorragiche sono più rare, ma associano a una minaccia sul trapianto il fatto di mettere in forse la prognosi vitale del ricevente o, anche, del donatore, nei trapianti a un donatore vivente. Le complicanze settiche, in particolare fungine, sono di prognosi molto sfavorevole. La maggior parte di queste complicanze è evitabile con una tecnica ineccepibile e una buona conoscenza delle diverse situazioni incontrate nella pratica di questo trapianto. Il loro trattamento privilegiato deve, quindi, essere preventivo. Quando si manifestano, è imperativa una gestione estremamente rapida ed è essenziale una diagnosi molto precoce. L'ecodoppler è diventato l'esame di riferimento per il follow-up postoperatorio, in quanto è esso che permette la diagnosi più precoce delle complicanze trombotiche. A distanza, la stenosi dell'arteria renale del trapianto, nonostante una riduzione significativa della sua incidenza, rimane una complicanza temibile il cui trattamento si basa, oggi, soprattutto sulle tecniche endovascolari.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave : Trombosi, Arteria renale, Vena renale, Stenosi, Trapianto renale


Mappa


© 2012  Elsevier Masson SAS. Tutti i diritti riservati.
Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Esportazione

    Citazioni Export

  • File

  • Contenuto

Articolo seguente Articolo seguente
  • Valutazione di operabilità del paziente in chirurgia vascolare
  • A. Hauguel, R. Coscas

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento.

Già abbonato a questo trattato ?

Il mio account


Dichiarazione CNIL

EM-CONSULTE.COM è registrato presso la CNIL, dichiarazione n. 1286925.

Ai sensi della legge n. 78-17 del 6 gennaio 1978 sull'informatica, sui file e sulle libertà, Lei puo' esercitare i diritti di opposizione (art.26 della legge), di accesso (art.34 a 38 Legge), e di rettifica (art.36 della legge) per i dati che La riguardano. Lei puo' cosi chiedere che siano rettificati, compeltati, chiariti, aggiornati o cancellati i suoi dati personali inesati, incompleti, equivoci, obsoleti o la cui raccolta o di uso o di conservazione sono vietati.
Le informazioni relative ai visitatori del nostro sito, compresa la loro identità, sono confidenziali.
Il responsabile del sito si impegna sull'onore a rispettare le condizioni legali di confidenzialità applicabili in Francia e a non divulgare tali informazioni a terzi.