Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Aneurismi arteriosi intracranici - 11/01/16

[17-490-B-10]  - Doi : 10.1016/S1634-7072(15)76145-3 
L. Thines, Pr  : Chef de service - neurochirurgie
 Pôle investigations et innovations chirurgicales, Centre hospitalier régional et universitaire de Besançon, Hôpital Jean-Minjoz, 2, boulevard Fleming, 25030 Besançon cedex, France 

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

pagine 20
Iconografia 46
Video 8
Altro 3

Riassunto

L'aneurisma intracranico (AI) rappresenta una patologia neurovascolare relativamente comune, poiché il 2-5% degli adulti ne sarebbe portatore. Ogni anno, in Francia, quasi 6 000 persone sono vittime di un'emorragia subaracnoidea (ESA) aneurismatica e un numero crescente di pazienti riceve incidentalmente una diagnosi di AI non rotto. La genesi, la crescita e la rottura degli AI implicano processi complessi che coinvolgono fattori predisponenti (sesso femminile, fumo, ipertensione, alcol, genetica), fenomeni biomeccanici e processi biologici. La loro gestione dovrebbe essere multidisciplinare e coordinata in centri specializzati. Per gli AI non rotti, il rischio annuale di rottura è, globalmente, dell'1%, ma varia molto secondo l'età e il sesso del paziente, la dimensione e la posizione dell'aneurisma e i fattori di rischio associati (tra cui precedenti di ESA). Il rapporto rischi-benefici di una gestione interventistica (embolizzazione o microchirurgia) prende in considerazione questo rischio evolutivo, ma anche i rischi del trattamento (comorbilità, morbilità e mortalità, durata). Nel caso degli AI rotti, occorre compiere ogni sforzo per una diagnosi precoce e il rapido orientamento del paziente in una filiera adeguata (neurochirurgo vascolare, neuroradiologo interventista, neurorianimatore), che assicura il trattamento precoce dell'aneurisma e delle complicanze generali o cerebrovascolari secondarie legate all'ESA. La prevenzione della malattia aneurismatica a livello della popolazione passa attraverso l'eliminazione dei fattori di rischio modificabili che favoriscono gli AI e il follow-up clinicoradiologico dei pazienti a rischio o precedentemente trattati.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave : Aneurisma intracranico, Emorragia subaracnoidea, Fisiopatologia, Embolizzazione, Microchirurgia, Patologia neurovascolare


Mappa


© 2016  Elsevier Masson SAS. Tutti i diritti riservati.
Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Esportazione

    Citazioni Export

  • File

  • Contenuto

Articolo precedente Articolo precedente
  • Ascessi cerebrali
  • J.-P. Stahl
| Articolo seguente Articolo seguente
  • Fistole arterovenose durali intracraniche
  • E. Houdart, M.-A. Labeyrie, J.-P. Saint-Maurice, V. Civelli

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

Già abbonato a questo trattato ?

;

Il mio account


Dichiarazione CNIL

EM-CONSULTE.COM è registrato presso la CNIL, dichiarazione n. 1286925.

Ai sensi della legge n. 78-17 del 6 gennaio 1978 sull'informatica, sui file e sulle libertà, Lei puo' esercitare i diritti di opposizione (art.26 della legge), di accesso (art.34 a 38 Legge), e di rettifica (art.36 della legge) per i dati che La riguardano. Lei puo' cosi chiedere che siano rettificati, compeltati, chiariti, aggiornati o cancellati i suoi dati personali inesati, incompleti, equivoci, obsoleti o la cui raccolta o di uso o di conservazione sono vietati.
Le informazioni relative ai visitatori del nostro sito, compresa la loro identità, sono confidenziali.
Il responsabile del sito si impegna sull'onore a rispettare le condizioni legali di confidenzialità applicabili in Francia e a non divulgare tali informazioni a terzi.