Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Sindromi talamiche - 28/03/07

[17-037-F-10]  - Doi : 10.1016/S1634-7072(07)48675-5 
P. Cesaro a, , D. Rieu b, H. Ollat c
a Service de neurologie et Inserm U 421, Centre hospitalier universitaire Henri Mondor, 94010 Créteil cedex, France 
b Inserm U 610, Pavillon Claude Bernard, Hôpital de la Salpêtrière, 47, boulevard de l'Hôpital, 75651 Paris cedex 13, France 
c Association pour la neuro-psycho-pharmacologie, 26, rue de la Plaine, 75020 Paris, France 

Indirizzo per la corrispondenza.

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

pagine 9
Iconografia 7
Video 0
Altro 1
Articolo archiviato , inizialmente pubblicato nel trattato EMC : Neurologia

Riassunto

Il termine di «sindrome talamica», inizialmente proposto da Déjerine e Roussy, oggi designa quadri neurologici relativi a una qualsiasi lesione del talamo. Vero «Pannello elettrico» della corteccia cerebrale, il talamo permette l'attivazione emisferica globale o selettiva. Grazie alle proprietà specifiche dei suoi neuroni che hanno una modalità di funzionamento tonica o fasica, la sua funzione di «rientro» oscillante, che attiva molteplici aree corticali, potrebbe costituire una base anatomofunzionale della «realtà soggettiva». I dolori talamici sono persistenti, profondi, parossistici e resistenti agli analgesici, talvolta con iperpatia, e sono ritardati rispetto alla lesione causale e associati a un deficit sensoriale, a volte minore, se non assente. Una emisindrome sensitiva, soprattutto quando associata a emiageusia, è caratteristica. I disturbi motori sono vari: deficit o atassia, oppure associati a movimenti anomali: emicorea, asterixis, mioclonie e, più tipicamente, negligenza motoria. Le lesioni talamiche destre possono provocare una sindrome dell'emisfero minore. L'afasia talamica si osserva in caso di lesioni del talamo sinistro: riduzione dell'espressione autonoma, incoerenza del discorso con parafasie verbali e alterazione della realizzazione vocale; perseverazione o agrammatismo. Lesioni talamiche ischemiche bilaterali sono responsabili di disturbi della memoria in particolare anterograda, associati spesso a disturbi delle funzioni esecutive, talvolta dopo un periodo di coma. Questo testo affronta questi diversi quadri lesionali, la loro fisiopatologia, senza essere esaustivo sulle diverse lesioni in causa.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave : Talamo, Dolore, Emisindrome sensitiva, Sindrome talamica, Negligenza motoria, Afasia talamica, Amnesia talamica, Demenza talamica, Diaschisi, Attivazione, Ritmi talamocorticali, Negligenza visuo-spaziale


Mappa


© 2007  Elsevier Masson SAS. Tutti i diritti riservati.
Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Esportazione

    Citazioni Export

  • File

  • Contenuto

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento o un acquisto all'unità.

Già abbonato a questo trattato ?

;

Il mio account


Dichiarazione CNIL

EM-CONSULTE.COM è registrato presso la CNIL, dichiarazione n. 1286925.

Ai sensi della legge n. 78-17 del 6 gennaio 1978 sull'informatica, sui file e sulle libertà, Lei puo' esercitare i diritti di opposizione (art.26 della legge), di accesso (art.34 a 38 Legge), e di rettifica (art.36 della legge) per i dati che La riguardano. Lei puo' cosi chiedere che siano rettificati, compeltati, chiariti, aggiornati o cancellati i suoi dati personali inesati, incompleti, equivoci, obsoleti o la cui raccolta o di uso o di conservazione sono vietati.
Le informazioni relative ai visitatori del nostro sito, compresa la loro identità, sono confidenziali.
Il responsabile del sito si impegna sull'onore a rispettare le condizioni legali di confidenzialità applicabili in Francia e a non divulgare tali informazioni a terzi.