Médecine

Paramédical

Autres domaines

Sommario Abbonarsi

Angiopatie cerebrali tossiche - 08/01/16

[17-046-B-06]  - Doi : 10.1016/S1634-7072(15)76143-X 
V. Wolff, MD, PhD
 Unité neurovasculaire, Service de neurologie, Pôle tête et cou, Hôpitaux universitaires de Strasbourg, 1, avenue Molière, 67098 Strasbourg, France 

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento.

pagine 9
Iconografia 1
Video 0
Altro 1

Riassunto

L'incidenza degli accidenti vascolari cerebrali (AVC) del soggetto giovane è aumentata nel corso degli ultimi 20 anni, cosa che potrebbe essere collegata al consumo di sostanze illecite. In questa fascia d'età, le angiopatie cerebrali tossiche possono rappresentare una causa di infarto cerebrale. L'uso di droghe illecite (come cocaina, anfetamine e simili o cannabis) o di farmaci potenzialmente vasocostrittori (decongestionanti nasali o inibitori del reuptake della serotonina) può causare una tossicità vascolare cerebrale e indurre un'angiopatia intracranica. Le conseguenze di questa angiopatia possono essere un'ischemia o un'emorragia cerebrale, a seconda delle droghe utilizzate. Il legame tra il consumo di una droga o di un farmaco e l'insorgenza di un accidente vascolare cerebrale è spesso suggerito da un legame temporale: la sostanza tossica era stata consumata prima o nel corso dell'insorgenza dei sintomi neurologici. I principali meccanismi coinvolti nell'insorgenza di un accidente vascolare cerebrale nel consumatore di sostanze tossiche possono essere una vasocostrizione reversibile, un vasospasmo e una vasculite, ma anche un'origine cardioembolica o una rottura di una malformazione vascolare per una puntata ipertensiva. La realizzazione sistematica di una diagnostica per immagini arteriosa cerebrale si impone prima di ogni AVC recente che insorge nel soggetto giovane, alla ricerca di anomalie delle arterie intracerebrali. In caso di anomalie arteriose iniziali, un controllo della diagnostica per immagini entro tre mesi dall'evento neurovascolare si impone per valutare il loro carattere reversibile o meno. Prima di concludere per un'origine tossica di un accidente vascolare cerebrale, occorre, in linea di principio, aver eliminato preventivamente un'altra causa.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Parole chiave : Sindrome di vasocostrizione cerebrale reversibile, Sostanze illecite, Infarto cerebrale, Emorragia cerebrale, Angiopatia cerebrale, Vasculite tossica


Mappa


© 2016  Elsevier Masson SAS. Tutti i diritti riservati.
Aggiungere alla mia biblioteca Togliere dalla mia biblioteca Stampare
Esportazione

    Citazioni Export

  • File

  • Contenuto

Articolo precedente Articolo precedente
  • Vasculiti del sistema nervoso centrale
  • H. de Boysson, C. Pagnoux, M. Zuber
| Articolo seguente Articolo seguente
  • Angiopatia amiloide cerebrale sporadica
  • L. Puy, A. Hochart, S. Moulin, C. Cordonnier

Benvenuto su EM|consulte, il riferimento dei professionisti della salute.
L'accesso al testo integrale di questo articolo richiede un abbonamento.

Già abbonato a questo trattato ?

;

Il mio account


Dichiarazione CNIL

EM-CONSULTE.COM è registrato presso la CNIL, dichiarazione n. 1286925.

Ai sensi della legge n. 78-17 del 6 gennaio 1978 sull'informatica, sui file e sulle libertà, Lei puo' esercitare i diritti di opposizione (art.26 della legge), di accesso (art.34 a 38 Legge), e di rettifica (art.36 della legge) per i dati che La riguardano. Lei puo' cosi chiedere che siano rettificati, compeltati, chiariti, aggiornati o cancellati i suoi dati personali inesati, incompleti, equivoci, obsoleti o la cui raccolta o di uso o di conservazione sono vietati.
Le informazioni relative ai visitatori del nostro sito, compresa la loro identità, sono confidenziali.
Il responsabile del sito si impegna sull'onore a rispettare le condizioni legali di confidenzialità applicabili in Francia e a non divulgare tali informazioni a terzi.